Circolare 43 del 08.03.00 ( riportate le sole parti interessanti le Pro Loco)

MATERIA FISCALE: Accertamento

OGGETTO Irpeg Disposizioni in materia di societa' sportive dilettantistiche. Articolo 25 della legge 13 maggio 1999, n. 133 e relativo regolamento di attuazione del 26 novembre 1999, n. 473.

TESTO Alle Direzioni Regionali delle Entrate Agli Uffici delle Entrate Agli Uffici Distrettuali delle Imposte Dirette Agli Uffici I.V.A. Ai Centri di Servizio delle Imposte Dirette e Indirette e, per conoscenza, Alle Direzioni Centrali del Dipartimento delle Entrate Al Segretariato Generale Al Servizio Consultivo ed Ispettivo Centrale Al Comando Generale della Guardia di Finanza Alla Societa' Italiana degli Autori ed Editori - SIAE - Al Comitato Olimpico Nazionale Italiano (CONI) Al Ministero del Tesoro, del Bilancio e della Programmazione Economica Al Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali ------------------------------------ INDICE PREMESSA 1. PROVENTI CHE NON CONCORRONO ALLA FORMAZIONE DEL REDDITO 1.1 Ambito di operativita' e contenuto della norma agevolativa 1.2 Requisiti per fruire dell'agevolazione 1.3 Trattamento tributario ai fini IVA 1.4 Decorrenza della disposizione agevolativa 1.5 Rapporti fra la disposizione agevolativa di cui all'articolo 25, legge n. 133 del 1999 ed altre disposizione agevolative 2. ELEVAZIONE A 360 MILIONI DI LIRE DEL LIMITE MASSIMO DEI PROVENTI PER BENEFICIARE DELLE DISPOSIZIONI RECATE DALLA LEGGE N. 398 DEL 1991 3. RIDUZIONE DEL COEFFICIENTE DI REDDITIVITA'
(omissis)
7. ADEMPIMENTI CONTABILI ------------------------------------------------------------------------------ PREMESSA
Al fine di rafforzare il sostegno fiscale alle associazioni sportive dilettantistiche, di razionalizzare le agevolazioni e di introdurre maggiori elementi di trasparenza e chiarezza nel settore, nonche' allo scopo di distinguere con maggiore facilita' le associazioni sportive dilettantistiche meritevoli di tale qualificazione da quelle che fruiscono impropriamente del regime agevolativo, l'articolo 25 della legge 13 maggio 1999, n. 133 ha apportato rilevanti modifiche in materia. Le disposizioni di attuazione dell'anzidetto articolo 25 della legge n. 133 del 1999 sono state dettate con regolamento del Ministro delle finanze del 26 novembre 1999, n. 473, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 16 dicembre 1999 - Serie Generale - n. 294. Con riferimento alle disposizioni recate dall'articolo 25 della legge n. 133 del 1999 ed al regolamento di attuazione n. 473 del 1999 sono stati forniti alcuni chiarimenti con circolari n. 231/E del 6 dicembre 1999 e n. 247/E del 29 dicembre 1999. Si ritiene di dover fornire ulteriori istruzioni in merito alla corretta applicazione della normativa dettata dall'articolo 25 della medesima legge n. 133 del 1999.
indietro
1. PROVENTI CHE NON CONCORRONO ALLA FORMAZIONE DEL REDDITO 1.1 Ambito di operativita' e contenuto della norma agevolativa
L'articolo 25, comma 1, della legge n. 133 del 1999 ha introdotto una nuova agevolazione tributaria a favore delle associazioni sportive dilettantistiche che si avvalgono delle disposizioni contenute nella legge 16 dicembre 1991, n. 398. L'articolo 1 del regolamento n. 473 del 1999 ha delimitato l'ambito soggettivo di applicazione della norma agevolativa, prevedendo che le disposizioni recate dal citato articolo 25, comma 1, si rivolgono alle associazioni sportive dilettantistiche comprese quelle non riconosciute dal CONI o dalle Federazioni sportive nazionali, purche' siano riconosciute da enti di promozione sportiva. L'espresso richiamo operato dall'articolo 25, comma 1, ai soggetti che "si avvalgono dell'opzione" prevista dall'articolo 1 della legge 16 dicembre 1991, n. 398 comporta l'esclusione dall'ambito applicativo della norma in esame dei soggetti che non siano destinatari della menzionata legge n. 398 del 1991 (es. enti commerciali, societa' cooperative a r.l., societa' a responsabilita' limitata, soggette a precisi ed inderogabili obblighi contabili), nonche' delle associazioni che non si siano avvalse dell'opzione. L'agevolazione in argomento consiste nell'esclusione dalla formazione del reddito imponibile di particolari proventi, indicati espressamente nelle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 25 della legge n. 133 del 1999. In particolare, i proventi che non concorrono a formare il reddito delle associazioni sportive dilettantistiche sono i seguenti: a) proventi conseguiti nello svolgimento di attivita' commerciali connesse con gli scopi istituzionali. La connessione con gli scopi istituzionali comporta che le attivita' commerciali debbano essere strutturalmente funzionali alla manifestazione sportiva e rese in concomitanza con lo svolgimento della medesima; b) proventi conseguiti a seguito di raccolte di fondi effettuate con qualsivoglia modalita'. A titolo esemplificativo possono annoverarsi fra gli anzidetti proventi quelli derivanti dalla somministrazione di alimenti e bevande, dalla vendita di materiali sportivi, di gadgets pubblicitari, dalle sponsorizzazioni, dalle cene sociali, dalle lotterie ecc. Le raccolte di fondi possono realizzarsi anche attraverso la vendita di beni e servizi resi a fronte di offerte non commisurate al valore del bene venduto o del servizio prestato. L'articolo 25, comma 1, della legge n. 133 del 1999 stabilisce che l'agevolazione compete fino al limite predeterminato con decreto del Ministro delle finanze di concerto con il Ministro del tesoro, del bilancio e della programmazione economica e con l'Autorita' di governo competente in materia di sport (Ministro per i beni e le attivita' culturali). Tale limite e' stato, attualmente, fissato, con decreto del 10 novembre 1999, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 23 novembre 1999 - Serie Generale - n. 275, nella misura massima di lire cento milioni per periodo di imposta. La norma in esame introduce in sostanza una forma di autofinanziamento, escludendo dal concorso alla formazione del reddito imponibile, determinati proventi fino ad un importo massimo complessivo di cento milioni di lire.
indietro
1.2 Requisiti per fruire dell'agevolazione
I requisiti per fruire dell'agevolazione in esame sono stabilite dall'articolo 25, comma 1, della legge n. 133 del 1999 e dall'articolo 1, comma 3, del regolamento n. 473 del 1999. In particolare, non concorrono a formare il reddito imponibile delle associazioni sportive dilettantistiche che si avvalgono delle disposizioni della legge 16 dicembre 1991, n. 398, i proventi derivanti dallo svolgimento delle attivita' commerciali connesse agli scopi istituzionali e quelli realizzati a seguito di raccolte di fondi effettuate con qualsiasi modalita', quando sussistano le seguenti condizioni: - le attivita' e le raccolte di fondi abbiano carattere di occasionalita' e saltuarieta'; - i proventi siano conseguiti nell'ambito di due manifestazioni per periodo di imposta; - i proventi rientrino nel limite complessivo di lire cento milioni per periodo di imposta. Ne consegue che costituiscono reddito imponibile delle associazioni in argomento la parte dei proventi eccedenti l'importo di lire cento milioni, i proventi derivanti da attivita' o da raccolte di fondi che non abbiano il carattere di occasionalita' e saltuarieta', ovvero i proventi conseguiti oltre l'ambito delle due manifestazioni per periodo di imposta.
indietro
1.3 Trattamento tributario ai fini IVA
Per quanto riguarda il trattamento tributario ai fini IVA, e' evidente che le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate dalle associazioni sportive nell'ambito delle attivita' che presentano il carattere di occasionalita' e saltuarieta' sono, in base ai principi generali, escluse dal campo di applicazione dell'IVA.
indietro
1.4 Decorrenza della disposizione agevolativa Per quanto concerne la decorrenza della disposizione agevolativa in esame, il regolamento n. 473 del 1999 chiarisce che la stessa riguarda solo i proventi conseguiti a seguito di manifestazioni realizzate successivamente alla data di entrata in vigore dello stesso regolamento. Pertanto, i benefici di che trattasi si applicano per le manifestazioni effettuate a partire dal 1 gennaio 2000, ancorche' il periodo di imposta sia gia' in corso alla predetta data. 1.5 Rapporti fra la disposizione agevolativa di cui all'articolo 25, della legge n. 133 del 1999 ed altre disposizione agevolative
Giova sottolineare che la speciale disposizione recata dal comma 1, lettera b), dell'articolo 25 della legge n. 133 del 1999, concernente le raccolte di fondi effettuate dalle associazioni sportive dilettantistiche, si applica, come chiarito dall'articolo 1, comma 4, del piu' volte menzionato regolamento, in luogo di quella generale contenuta nell'articolo 108, comma 2-bis, lettera a), del Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR) approvato con D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917, riferita agli enti non commerciali, anche di tipo associativo, ivi compresi, quindi, quelli di cui all'articolo 111 dello stesso TUIR. Si chiarisce, altresi', che la disposizione agevolativa contenuta nel comma 1 dell'articolo 25 della legge n. 133 del 1999 non si applica a favore delle associazioni senza fine di lucro e delle pro-loco, che in forza dell'articolo 9 del decreto legge n. 417 del 1991 si avvalgono delle disposizioni della legge n. 398 del 1991. Invero, la disposizione in esame introduce una vera e propria ulteriore agevolazione in favore soltanto delle associazioni sportive dilettantistiche che si avvalgono delle disposizioni della legge n. 398 del 1991, senza che cio' determini una modifica di tale legge.
indietro
2. ELEVAZIONE A 360 MILIONI DI LIRE DEL LIMITE MASSIMO DEI PROVENTI PER BENEFICIARE DELLE DISPOSIZIONI RECATE DALLA LEGGE N. 398 DEL 1991 Il comma 2 dell'articolo 25 della legge n. 133 del 1999 ha stabilito che "a decorrere dal periodo di imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della presente legge, l'importo di lire 100 milioni, fissato dall'articolo 1, comma 1, della legge 16 dicembre 1991, n. 398, come modificato da ultimo con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 10 novembre 1998, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 285 del 5 dicembre 1998, in lire 130.594.000, e' elevato a lire 360 milioni". Al riguardo, nel regolamento n. 473 del 1999 nonche' nella circolare n. 231/E del 6 dicembre 1999, e' stato precisato che a decorrere dal periodo d'imposta successivo a quello in corso alla data di entrata in vigore della legge n. 133 del 1999 - e cioe', ad esempio, per le associazioni con periodo di imposta coincidente con l'anno solare, dal 1 gennaio 2000, per le associazioni con periodo di imposta compreso tra il 1 luglio e 30 giugno, dal 1 luglio 1999- possono avvalersi del regime tributario agevolato recato dalla legge 16 dicembre 1991, n. 398 le associazioni sportive dilettantistiche, comprese quelle non riconosciute dal CONI o dalle Federazioni sportive nazionali, purche' riconosciute da enti di promozione sportiva, che svolgano senza scopo di lucro attivita' sportiva dilettantistica e che nel periodo d'imposta precedente abbiano conseguito dall'esercizio di attivita' commerciali proventi per un importo non superiore a 360 milioni di lire. Dalla suddetta data, come chiarito nella citata circolare n. 231/E del 1999, tale nuovo limite di 360 milioni di lire si applica a regime senza necessita' dell'adeguamento annuale operato nel passato. Il comma 5 dell'articolo 1 del regolamento n. 473 esclude dal computo di detto limite di importo di 360 milioni di lire, i proventi di cui alle lettere a) e b) del comma 1 dell'articolo 25 della legge n. 133 del 1999. Si fa presente, come precisato nella circolare n.247/E del 29 dicembre 1999 al punto 6.9, che, per poter usufruire delle agevolazioni recate dalla legge n. 398 del 1991, occorre esercitare l'opzione prima dell'inizio dello anno solare, a prescindere dalla cadenza dell'esercizio, dandone comunicazione all'ufficio della SIAE competente in ragione del domicilio fiscale della associazione. Simile comunicazione deve essere, altresi', effettuata all'ufficio IVA o delle entrate, se istituito, secondo le disposizioni del DPR 10 novembre 1997, n. 442. L'opzione e' vincolante per un quinquennio. Si precisa, infine, che l'elevazione del limite a 360 milioni di lire si applica anche alle associazioni senza scopo di lucro e alle pro-loco che, in forza dell'art. 9-bis del decreto-legge 30 dicembre 1991, n. 417 convertito dalla legge 6 febbraio 1997, n. 66, si avvalgono delle disposizioni della legge n. 398 del 1991.
indietro
3. RIDUZIONE DEL COEFFICIENTE DI REDDITIVITA'
Come evidenziato nella circolare n. 231/E, l'articolo 25, comma 3, della legge n. 133 del 1999 ha previsto, attraverso una specifica modifica dell'articolo 2, comma 5, della legge n. 398 del 1991, che il reddito imponibile delle associazioni sportive dilettantistiche venga determinato applicando all'ammontare dei proventi conseguiti nell'esercizio di attivita' commerciali il coefficiente di redditivita' del 3 per cento, in luogo di quello del 6 per cento originariamente stabilito, cui si deve aggiungere comunque, come in passato, l'intero importo delle plusvalenze patrimoniali. Tale nuovo coefficiente di redditivita' del 3 per cento, come precisato nella piu' volte richiamata circolare n. 231/E, e' applicabile dall'inizio del periodo di imposta in corso alla data del 18 maggio 1999, data di entrata in vigore della citata legge n. 133 del 1999. Il medesimo coefficiente si applica alle associazioni senza scopo di lucro e alle pro-loco che si avvalgono delle disposizioni della legge n. 398 del 1991. indietro (omissis)
7. ADEMPIMENTI CONTABILI Ad integrazione dei chiarimenti forniti con la circolare n. 247/E del 1999, punto 6.9, si evidenzia la necessita' dell'annotazione separata dei proventi dell'articolo 25, comma 1, lettere a) e b), al fine di consentire all'amministrazione finanziaria il riscontro ed il controllo degli anzidetti proventi. Si precisa, altresi', che l'articolo 5, comma 4, del citato regolamento n. 473 del 1999 impone l'obbligo di conservare copia della documentazione concernente incassi e pagamenti delle associazioni sportive dilettantistiche per tutto il periodo per cui e' possibile esperire l'azione di accertamento da parte dell'amministrazione finanziaria, come previsto dall'articolo 43 del DPR 29 settembre 1973, n. 600. Con il medesimo articolo 5, comma 5, viene, infine, fissato, quale specifico adempimento contabile a carico delle associazioni sportive dilettantistiche che vogliano fruire dell'agevolazione dell'articolo 25, comma 1, della legge n. 133 del 1999, un obbligo di rendicontazione analogo a quello stabilito dall'articolo 20, comma 2, del DPR 29 settembre 1973, n. 600, per gli enti non commerciali destinatari dell'articolo 108, comma 2-bis, lett. a) del TUIR. Per espressa previsione normativa la suddetta rendicontazione deve essere tenuta e conservata ai sensi dell'articolo 22 del citato DPR n. 600 del 1973. Infine, si fa presente che nella precedente circolare n. 247/E del 1999 al punto 2, paragrafo 6.9 si e' fatto erroneamente riferimento all'anno invece che al mese. Conseguentemente il primo periodo del menzionato punto 2 deve essere letto correttamente nel modo seguente: "qualora i presupposti vengano meno nel corso dell'anno, l'applicazione del tributo con il regime ordinario dovra' avvenire dal mese successivo a quello in cui sono venuti meno i cennati requisiti;". indietro